Il know-how

IL GRES PORCELLANATO CERAMICA GAZZINI “MADE IN ITALY”

Le piastrelle in gres porcellanato sono ottenute tramite il processo di sinterizzazione di una miscela di argille selezionate poi finemente atomizzate fino ad ottenere una polvere a granulometria omogenea adatta alla pressatura.

La cottura avviene ad una temperatura di circa 1350° in forni lunghi sino a 140 m dove la materia prima è portata gradualmente alla temperatura massima, lì mantenuta per un breve periodo, e sempre gradualmente viene raffreddata sino a temperatura ambiente.

 Il processo  di cottura determina la greificazione dell’impasto, attribuendone le tipiche caratteristiche di robustezza, impermeabilità, ingelività. I vantaggi del gres porcellanato Ceramica Gazzini: è ingelivo, è resistente, non teme le macchie, quindi facilmente pulibile; è ignifugo, è igienico, è inodore, è pratico, è durevole nel tempo; è innovativo, sotto il profilo tecnologico e del design.

 

PULIZIA E MANUTENZIONE DEL GRES PORCELLANATO

Grazie al procedimento produttivo impiegato la superficie dei materiali Ceramica Gazzini è praticamente impermeabile (assorbimento d’acqua minimo). Pertanto anche la sporcizia non può penetrare ma deve soltanto essere asportata dalla superficie del materiale. In questa operazione si sconsiglia di utilizzare detergenti grassi onde evitare la formazione di strati untuosi. Tutti i pavimenti posati con materiali Ceramica Gazzini non temono macchie di alcun genere e sono di facile pulizia e di semplice manutenzione. Qualunque tipo di sporco viene eliminato con operazioni di pulizia semplici e rapide attraverso i normali prodotti detergenti in commercio. Numerose prove di laboratorio lo dimostrano. Una pulizia del pavimento adeguata valorizza le caratteristiche estetiche del materiale utilizzato, donando ad ogni pavimento un’ eccezionale bellezza. Una pulizia iniziale approfondita è di basilare importanza e deve essere effettuata immediatamente dopo la posa del pavimento per eliminare completamente i residui cementizi derivanti da malte e dai collanti e i residui epossidici che possono provenire dalle fughe.
 E’ necessario scegliere i prodotti più idonei e fare molta attenzione nella scelta dei sigillanti per le fughe: controllare le schede tecniche, sceglierli possibilmente tono su tono e seguire scrupolosamente i tempi di pulizia consigliati. Per questi materiali, Dopo aver effettuato le operazioni di “pulizia iniziale”, è sufficiente una normale manutenzione con una soluzione acquosa contenente piccole percentuali di un detergente alcalino. Per questi tipi di superficie è sconsigliabile eseguire un trattamento impermeabilizzante in quanto non essendoci alcuna porosità l’impermeabilizzazione si depositerebbe soltanto sulla superficie in modo disomogeneo causando così effetti estetici disarmonici. Sui materiali Ceramica Gazzini possono essere utilizzati tutti i detergenti esistenti sul mercato, alla concentrazione indicata; è escluso l’acido fluoridrico (HF) e tutti i suoi composti, come da norma UNI-EN 176.